Link

museo di Ibiza Puig des molins necropoli fenicia-punica

museo puig des molins libri di archeologia a disposizione
museo puig des molins libri di archeologia a disposizione

Ai piedi del promontorio su cui si poggia la bellissima rocca A�di Ibiza, propio alle pendici della stradina che ci porta verso la fortificazione spagnola del porto, esiste un piccolo museo che testimonia il passaggio delle popolazioni piA? antiche che navigavano lungo le rotte che incrociavano dall’Africa le coste del porto ibizenco e poi raggiungevano le sponde spagnole.

 

oggetti preziosi e miniature rinvenute nell tombe ipogee p.ruggeri www.megalithic.it
oggetti preziosi e miniature rinvenute nell tombe ipogee
p.ruggeri
www.megalithic.it

L’ingresso A? a pagamento solo la prima volta che ci si va nel periodo di un intero anno, il museo ha un percorso consigliato ed A? davvero interessante , nonostante i tanti reperti esposti, ciA? che desta maggior curiositA� A? la serie di tombe ipogee scavate nella dura roccia calcarea e il groviglio di grotte a contatto l’una con l’altra che formano un cimitero ancora non del tutto riscoperto, risalente al 9 sec a.c.;

steli funerarie
steli funerarie

E’ il caso di ricordare che prima dei romani l’isola era abitata e le popolazioni professavano il culto della dea Tanit, di cui ci siamo giA� occupati in questi articoli sulle tradizioni e la storia di ibiza.

Altrettanto eccezionale la sensazione di discesa nel mondo dei defunti che avvolge il curioso visitatore, negli ambienti sepolcrali, tutto A? stato riportato al momento della prima scoperta, gli ambienti infatti sono frutto del lavoro degli addetti del museo ma sono identici all’originale.

Nel video vi portiamo all’interno della zona visitabile degli scavi accanto al museo, A�seguiteci!!!

con la curiositA� dei #predatoridellaciociariaperduta,, buona visione!

https://www.youtube.com/watch?v=syJz8ffTsvw&feature=youtu.be

Es Vedra l isola delle sirene, del gigante,delle luci strane ,del magnetismo,etc…

es vedra al tramonto puesta del
es vedra al tramonto puesta del sol www.megalithic.it p.ruggeri

 

Es VedrA� Ibiza, un luogo descritto in tantissimi modi, soprattutto storici e misteriosi, esistono diverse leggende riguardanti l’isola e l’isolotto di Es Vedra che partono da tempi immemorabili e giungono fino a noi.

google
google

La tradizione vuole che l’isola fosse abitata da un gigante benvoluto dagli abitanti che rimaneva nascosto e veniva chiamato per aiutare i cittadini a trovare imbarcazioni scomparse e marinai e pescatori dispersi in mare, per chiamarlo ed imbonirlo i cittadini offrivano polpi appena pescati perchA? il gigante ne era ghiotto.

Omero diceva che esisteva un isola nel mediterraneo dove le sirene cantavano ammaliando i marinai di passaggio, e qualcuno ha ritenuto che fosse questo isolotto la dimora delle stesse….

Poi un monaco (nel 1855, il carmelitano Francisco Palau beatificato nel 1988 da Papa Giovanni Paolo II) prese dimora proprio nelle cavitA� naturali della zona e scrisse di aver avuto piA? di qualche momento di estasi grazie al naturale A�richiamo dei luoghi alla metafisica, addirittura si dice gli sia apparso GesA?,,,

 

f.m.palau google search
f.m.palau
google search
mirador es vedra www.megalithic.it p.ruggeri
mirador es vedra
www.megalithic.it
p.ruggeri

stessa storia narrata dopo un secolo dagli hippy che venerano il posto credendo alle apparizioni del buddha.

Infine esiste la leggenda della vecchia strega che occupa una grotta dell’isoletta che rimane schiva all’occhio dei turisti ma fornisce aiuto a quanti arrivati all’entrata lasciano un presente.

www.megalithic.it p.ruggeri
www.megalithic.it
p.ruggeri

A due passi in alto sulla scogliera antistante all’isola esiste il mirador dal quale partono i sentieri per la torre del pirata in alto che svetta sul mare,

torre del pirata www.megalithic.it p.ruggeri
torre del pirata
www.megalithic.it p.ruggeri

e da questa si giunge ad atlantis, la cala della pietraia, cosA� chiamata perchA? sicuramente era una cava, oggi atlantis A? stupenda e rappresenta per gli hippy la parte di atlantide rimasta emersa, una cava scavata proprio dove sbatte l’onda eccezionale che sembra davvero magica, leggermente inclinata suggerisce chissA� quale passato evento naturale di tipo apocalittico, piena di graffiti e bassorilievi talmente diversi da far vacillare ogni curioso sulla datazione di quanto si vede.

atlantis es vedra google search
atlantis es vedra google search

eccovi in perfetto stile da predatori della ciociaria il nostro video 2016, buona visione!

https://www.youtube.com/watch?v=9zCFhahsWNE&feature=youtu.be

Isola di Ibiza, Santuario della Dea Tanit, Es Culleran

img_5682
i cartelli sul percorso lasciati dagli hippy

Cari amici predatori, siamo andati a scovare alcune delle più interessanti testimonianze della storia delle isole Pitiuse, così chiamate da Plinio il vecchio antico viaggiatore e storiografo latino, per la caratteristica chioma dei pini mediterranei che avvolge le isole Baleari oggi chiamate Ibiza e Formentera.

img_5685
le preghiere di pietra www.megalithic.it p.ruggeri

Principalmente va inquadrata la storia antichissima delle genti che popolarono le isole minori delle baleari, infatti diversi resti testimoniano il passaggio dell’uomo in queste terre emerse già dall’eta preistorica, le rotte di collegamento marittimo tra il continente africano e quello europeo portarono l’uomo a percorrere il tragitto passando per le isole che si affacciano a pochi chilometri al largo di Valencia, nella splendida cornice del mar mediterraneo.

img_5686
un labirinto recente

Il passaggio della storia e gli incroci delle vicende dell’europa e del nord africa contraddistinguono la nascita della cultura autoctona fino alla conquista degli spagnoli di queste ambite rocce innalzate sul mare.

img_5691
ilsito dies culleram www.megalithic.it p.ruggeri

La Dea Tanit è la principale divinità punica che ebbe sull’isola di Ibiza molto seguito, tanto da lasciare testimonianze ancora ad oggi nel tessuto delle tradizioni del posto.

Uno degli esempi più toccanti per trasmettere la sensazione di antichissimi riti pagani  ai turisti è rappresentato dal santuario di cui stiamo scrivendo, visitabile e raggiungibile grazie ad un sentiero realizzato per scendere e risalire in piena sicurezza dai luoghi archeologici, poco conosciuto e non riportato sulle mappe turistiche ma degno di una visita accurata, si trova sul lato dell’isola che è rivolta verso la bellissima cala marittima di Sant Vincent

il dio che dorme su es culleram p.ruggeri www.megalitihic.it
il dio che dorme su es culleram
p.ruggeri
www.megalitihic.it

E’ curioso che proprio sulla sommità dei monti nei quali è nato il santuario di Es Culleram, esiste un profilo ben distinguibile antropomorfo, quasi a significare che sotto al dio che dorme esiste l’entrata (carsica) nel mondo nascosto dal quale attingere conoscenze e vita (acqua).

labirinto in bassorilievo es culleram p.ruggeri www.megalithic.it
labirinto in bassorilievo
es culleram
p.ruggeri www.megalithic.it

proprio all’entrata delle cavità del santuario esiste un megalite sul quale è stato tratteggiato un antico labirinto a modo di bassorilievo, e non appare così remota la possibilità che abbia qualche significato riguardante anche la presenza di acqua e cavità un nesso mitico che era degno di nota nei tempi in cui l’acqua era strettamente connessa alla vita e alla sopravvivenza e le cavità offrivano sicuro rifugio a quanti le conoscevano.

img_5741
statua votiva

tornando alla dea Tanit va ricordato che durante le guerre puniche gli scrittori latini riferirono che i seguaci della dea erano ritualmente impegnati a sacrificare individui per chiedere benevolenza, riti che però non sono mai stati accertati, e che apparterrebbero allo strascico propagandistico che i romani utilizzarono per screditare i loro acerrimi nemici, proprio ad ibiza infatti i cartaginesi arruolarono alcuni guerrieri divenuti famosi come i fiondatori delle baleari che durante le guerre puniche contro i romani divennero temutissimi.

 

I Cartaginesi ne erano custodi nel mediterraneo ma prima di loro furono i fenici, una dea che viene identificata con un simbolo tra i più conosciuti che nasconde all’interno concezioni geometriche essenziali per l’uomo moderno.

Fantastico il sentiero per giungere alle grotte, disseminato di preghiere di pietra probabilmente tipiche degli hippy che presiedono l’area ancora oggi.

sul luogo abbiamo avuto modo di rinvenire un interessante labirinto su pietra tratteggiato a mo di bassorilievo, oltre a quello allestito dagli hippy.

maps
maps

Insomma ancora dovremo tornare sul tesoro ricevuto da questa stupenda isola come per quanto riguarda il simbolo, tornerò a tempo dovuto intanto gustatevi il video descrittivo del luogo in spirito predatori tour….

buona visione 😀

 

L’acquedotto di Arci (Avezzano)…

Alba Fucens -acquedotto di Arci- P.Ruggeri www.megalithic.it
Alba Fucens
-acquedotto di Arci-
P.Ruggeri www.megalithic.it

Alba Fucens, nome romano della cittA�, poleis, che si affacciava sulla piana del lago fucino (in seguito prosciugato da Principe Torlonia)…

Gli Aborigeni, o chissA�.. chi, … ma non certo i romani, questo il karma che ci perseguita, perchA? immaginare che l’acquedotto in questione fosse stato voluto e creato dai romani,A�a me non va proprio giA?.

ingresso forificazioni di Alba fucens p.ruggeri www.megalithic.it
ingresso forificazioni di Alba fucens
p.ruggeri www.megalithic.it

Per credere a quello che vedete in foto, basta recarsi a due passi in linea d’aria dalle cittA� della prov. Fr. , come Alatri e Ferentino, cosa sulla quale sarebbe meglio approfondire, basti ricordare che dalla ss155 per Fiuggi, si incontrano una miriade di segnali stradali che invogliano ad arrivare ad Avezzano, bellissima cittA� del centro Italia.

Ma non sarA� cosA� facile arrivarci…….. infatti la strada (ss 30) di collegamento tra Lazio e Abruzzo, risulta chiusa da diversi anni…ma collegherebbe in maniera davvero panoramica la zona dove scorre il Fiume Liri, da una parte e dall’altra L’Aniene tanto caro ai romani.(Spqr)..,

capistrello dalla ss.30 e la piana del fucino p.ruggeri www.megalithic.it
capistrello dalla ss.30 e la piana del fucino
p.ruggeri www.megalithic.it

Tante le cose da segnalare sulla colleganza tra la zona del lago Fucino e la zona della valle del Sacco fino al mare verso il litorale pontino, collegamenti segnalati nel libro di Giulio Magli, civiltA� megalitiche del Lazio…

veduta di abafucens romana dal borgo medievale p.ruggeri www.megalithic.it
veduta di abafucens romana dal borgo medievale
p.ruggeri www.megalithic.it

..tra le tante, la caratteristica di rinvenire in tali luoghi, nonostante le tante riviste a cura di soprintendenze della zona e altri enti preposti alla cultura locale tacciano a riguardo, similitudini e cenni di letteratura con descrizioni ben diversi da quelle approvate dall’archeologia ufficiale,… a sorprendere A? la classica architettura a massi poligonali di tutto l’insediamento urbano che poi probabilmente fu aggiornato nei secoli con lo stile romano (Norba -Segni- Alatri-Ferentino), …nella cinta A�urbana la fusione A? eccezionale accanto alle basi del sito poligonale quelle romane, come abbiamo giA� detto di altre cittA� poligonali

Arci, entrata acquedotto p.ruggeri www.megalithic.it
Arci, entrata acquedotto
p.ruggeri www.megalithic.it

Nel caso della casupola megalitica dell’acquedotto, davvero caratteristica, cosA� come nel caso delle tre nicchie votive gemelle tra Alatri e Alba fucens, eccoci a pensare il perchA? di tali similitudini uniche al mondo, perchA? va ricordato che non in tutto il mondo le cittA� antichissime rimasero attuali come nel caso ciociaro-centro-italiano.

p.ruggeri www.megalithic.it
p.ruggeri www.megalithic.it

L’acqua ed i suoi usi, ci fanno davvero pensare al popolo di cui accennavo prima, gli aborigeni del centro italia tutti da capire ed analizzare, erano forse coloro che traforarono le montagne per creare emissari di laghi (o minimi bacini stagnanti) di origine carsiche o vulcaniche? ( Pastena, Albano, Canterno)

ponte sereno (ferntino) con basamento megalitico
ponte sereno (ferntino) con basamento megalitico

…..gli stessi che secondo i primi scrittori storici avrebbero saputo lasciare opere di tale ingegneria?

 

L’entrata della stanza-sifone, che un cartello li vicino ci descrive come parte di un muraglione, avente funzione di ponte e acquedotto sulla valle (come quello di Ferentino Ponte Sereno) ..

 

 

descrizione acquedotto p.ruggeri www.megalithic.it
descrizione acquedotto
p.ruggeri www.megalithic.it

..non assomiglia a nessuna tipica entrata romana, non A? ad arco nonostante i rimandi individuati nella toponimia della zona, e nemmeno poligonale nei modi di Alatri o Ferentino e neppure Norba,….. A? un unicum?

 

Verrebbe da pensare che l’ingresso fosse un altro e quello odierno fosse solo un buco provocato da un crollo della struttura…

Sicuramente va approfondita la questione e la datazione perchA? ad oggi essa A? basata solo sulle notizie certe circa tutta la storia della cittadina romana Alba fucens, costruita sopra qualcosa di preesistente, che fino ad oggi sembra invece scomparsa a favore di un esame relativo ai testi romani che perA? non possono essere gli unici riferimenti che l’archeologo dovrebbe prendere in considerazione, infatti come riportano scrittori e storici preromani in queste nostre terre giA� esistevano monumentali cittA� poligonali a guisa di quelle greche e turche (ittite) o mesopotamiche.

 

Sulla questione va sottolineato l’attuale nuova tecnica di scansione laser dei siti archeologici affioranti si A? giunti a nuove scoperte ad esempio nel nostro caso ci sarebbero similitudini tra l’acquedotto di machu picchu del quale al link potrete vedere un accenno

.. perchA? l’insediamento anche se collocato ad altezze estreme era rifornito da un acquedotto posto sulla sommitA� di una cima vicina , quindi il centro urbano era posto a valle della sorgente e l’acquedotto riforniva la popolazione con un sistema basato sullo scorrimento delle acque sulla superficie delle rocce pentagonali e megalitiche, sotto alcuni aspetti identico a quello poligonale di Arci.

muraglione laterale arci p.ruggeri www.megalithic
muraglione laterale
arci p.ruggeri
www.megalithic

resta la composizione esterna ed interna della via d’acqua ossia poligonale megalitico, all’esterno e con calce e mattoni all’interno, segno di una capacitA� unica e diversamente funzionale dei romani, o di due diverse civiltA� una basata sui massi poligonali e senza alcuna malta e una piA? recente che tende all’uso della calce e mattoni o laterizi per riempire e riutilizzare qualcosa di piA? antico.

Manco a dirlo io penso piA? alla seconda…

(continua)

 

 

la redazione la storia e le origini di Megalithic.it

Megalithic un sogno che si realizza…

( developed by : Associazione culturale “ci vediamo in provincia!” )

redazione
il poster del primo anno dei predatori della ciociaria perduta la campagnia di sensibilizzazione per il Reg.Bict la mappa interattiva sui bani di interesse culturale e turistico

Il sito www.megalithic.it nasce da un idea che ebbi per raggiungere lo scopo di divulgare l’interesse verso i beni culturali e paesaggistici, verso la storia e le tradizioni del luogo in cui sono cresciuto Frosinone, la ciociaria, il lazio, l’italia, l’europa, etc..

primo logo
primo logo

Con le esperienze passate, compiute con l’ass.culturale, di cui resto fondatore dal 2010, “ci vediamo in provincia”, ci rendevamo conto come fosse difficile raggiungere il piA? alto numero di persone con i mezzi di cui disponevamo, perchA? solo con gli eventi e la stampa raggiungevamo standard di una certa soddisfazione rispetto agli sforzi fatti per organizzazione di eventi.

simbolo associazione nel 2010
simbolo associazione nel 2010

Nel 2010 con l’ass. e l’aiuto di altre ass. come l’ARTE Aiuta onlus

gli amici dell'ass. L'arte Aiuta onlus
gli amici dell’ass. L’arte Aiuta onlus

realizzammo per un anno e mezzo senza mai arrenderci, le serate FRSTUDIOS in cui presentavamo artisti emergenti della zona A�arti figurative e sonore,

le serate fr studios con i premi oggi suono io e fr studios 2010
le serate fr studios con i premi oggi suono io e fr studios 2010

serate che poi andavano in onda su internet tramite la radio streaming di radio ferentino e poi direttamente sui canali spreaker

i
il logo fr studios dal 2010 al 2011

oppure indipendentemente con rux’s bluetooth la trasmissione settimanale e poi mensile del gruppo ci vediamo in provincia, le registrazioni e le dirette andarono avanti fino al 2011 quando per un lutto decisi di fermarmi.

il programma radio andato in onda su radio ferentino e poi indipendentemente su spreaker e su fb 2011-14
il programma radio andato in onda su radio ferentino e poi indipendentemente su spreaker e su fb 2011-14

Dopo una pausa di circa 2 anni dai palchi, archiviata la rassegna fr studios, ripartivamo A�piano piano con gli amici Frat (Andrea Fratarcangeli) musta (Francesco Dell’Aversano) enomi (Simone ) A�etc con le dirette ma , avevo deciso di dedicare piA? spazio alla ricerca della storia e delle leggende.

L’archeologia aveva un posto anche nelle dirette di fr studios sin dalle prime serate all’Ex Mattatoio (fr) avevamo avuto l’onore di ospitare, insieme ai tanti giovani accorsi alla manifestazione del giugno 2010, il prof Italo Bidittu per l’angolo dell’archeologia curato con Giancarlo Pavat, nel progetto avevamo avuto la bellissima intuizione di fondere le tradizioni alla storia e all’archeologia, l’arte dei giovani ne avrebbe giovato e cosA� lo spettacolo sarebbe cresciuto di spessore nella ricerca delle proprie origini….

i
il prof. Italo Bidittu ospite dell’angolo archeologico delle serate di fr studios 2010

approfondivo sempre di piA? la lotta alla ricerca delle risposte che avevamo sotto gli occhi e pian piano scoprivo un mondo fatto di tutele mancanti e beni mai registrati, disseminati nelle mie vicinanze ma dimentiche.

VOLANTINO 1
Thico il personaggio ideato per la campagna di sensibilizzazione al patrimonio del territorio frusinate, frutto del lavoro in collaborazione tra Paolo Ruggeri ed il fumettista di Stefano Spaziani

Nasce in questo contesto di rinnovata lotta verso la conquista della libertA� della scienza e della storia piA? nascosta dell’uomo e della terra il nostro sito che ormai per raggiungere l’alba del suo terzo anno.

Il nuovo progetto A? la rinnovata veste del social meaning della piattaforma A�a 360 gradi dell’associazione e dei suoi collaboratori, il canale multimediale web di riferimento “Megalithic.it” capace di riassumere oltre alle notizie piA? disparate riguardanti antiche tradizioni, leggende e miti locali, ricerche archeologiche internazionali, anche la base per un lavoro A�condiviso ed aperto al pubblico soprattutto nel campo della sensibilizzazione alla tutela dei beni culturali e paesaggistici.

 

Dalla nascita del nome del sito l’idea A? quella di essere questo un riferimento fatto di informazioni, un idea ben incardinata, un macigno pesante sulla terra, la base di una voce libera di uomini che ricercano le proprie origini e che per farlo osservano l’orizzonte senza limiti, il cielo e le stelle che ci illuminano sulla terra.

Logo - Per la LegalitaA�A� - Ci Vediamo in Provincia

 

…non va tralasciata neanche la societA� in cui viviamo tentando di rappresentare soprattutto i giovani e le loro tradizioni nasce la pagina dedicata alla legalitA� portata avanti da Ilaria Fontana (dal 2013 responsabile pubbliche relazioni, social developer),

convegno imposimato una conferenza sul voto di scambio con ospiti d’eccezione per spiegare ai giovani e ricordare a tutti l’entitA� della malavita nella vita politica e sociale e per ribadire con fermezza la lotta per la legalitA�.

 

 

Per raccontarvi tutto non basterebbe una pagina…..ma di sicuro non sarei riuscito a portare a questo punto i nostri lavori se non grazie a collaboratori e redattori, nel blog, amici e fratelli nella vita, amici che collaborano sia come volontari che come professionisti, la forma di progetto a costi zero, e la sopravvivenza stessa del progetto megalithic.it sta nella capacitA� di tante persone di offrire al mondo in primo luogo documentazione, una sorte di scatola di parole e immagini suoni e sensazioni che raccogliamo dal mondo, tanti cronisti che offrono una visione, un racconto, una storia, un viaggio.

predatori

Megalithic.it offre spazio all’informazione storica e turistica, culturale e archeologica, avvalendosi di scrittori come Massimiliano Mancini, Archeologi, Ilenia Lungo, semplici curiosi e persone che volontariamente ricoprono ruoli dell’associazione per aiutare ad organizzare, per collaborare , affinchA? lo spirito della riconquista della nostra storia piA? tradizionale, venga offerto a piA? persone possibile.

la copertina del fumetto - II edizione
la copertina del fumetto – II edizione

 

Nel 2014 megalithic.it diventa il portale ufficiale dei #PREDATORIDELLACIOCIARIAPERDUTA A�la pagina dedicata su facebook e contestualmente la pagina riferimento web del progetto nelle scuole elementari e medie della provincia di Frosinone #IPICCOLIPREDATORIDELLACIOCIARIAPERDUTA.

Fumetto realizzato durante il progetto "I piccoli predatori della Ciocairia perduta" - I ed. - 2015
Fumetto realizzato durante il progetto “I piccoli predatori della Ciocairia perduta” – I ed. – 2015

Un progetto dello staff del sito e dei volontari dell’associazione #CIVEDIAMOINPROVINCIA, che si rivolge esclusivamente ai piA? piccoli, ragazzi A�dai 10 ai 13 anni, coinvolti, centinaia di bambini nelle classi a vedere film, commentarli, scoprire come si costruisce un fumetto dedicato al mondo dei misteri dell’archeologia, e alle storie dei luoghi, le tradizioni e le leggende locali.

13669586_726225710853453_5870034579427446790_n

Oggi dunque il sito raccoglie ancora piA? informazioni, una mappa sempre in aggiornamento, open source, sui luoghi piA? antichi vicini e lontani poco o meno conosciuti, il Registro Georeferenziato dei Beni di Interesse Culturale e Turistico, una mappa che chiede ad ognuno di essere elaborata,

https://www.google.com/maps/d/edit?mid=109KDNGKNESaWstuxplZMQykr56o

Il registro reg.bict aggiornato 2016 al link www.megalthic.it
Il registro reg.bict aggiornato 2016 al link
www.megalthic.it

che offre a tutti un insieme di punti di interesse che devono essere tutelati e valorizzati, raccontati fin dalle leggende sulle loro origini peri quali ognuno puA? suggerire approfondimenti….

 

Il gruppo megalithic.it e formato da persone che restano a disposizione e sono contattabili attraverso questo sito:

——————————————————————————

lasciando sempicemente un messaggio a fine articolo

———————————————————————————-

e – mail : civediamoinprovincia@gmail.com ;

—————————————————————————

lasciando un messaggio alla

– pagina facebook: “i predatori della ciociaria perduta”.

——————————————————————————-

 

I Membri del gruppo operativo del progetto Megalithic.it-predatori della ciociaria perduta-ass.cult. “civediamo in provincia”)

————————————- Fondatore, direttore, rappresentante:

Paolo Ruggeri.

557120_4271911725676_565674326_n-2

 

 

 

 

 

 

 

————————————————————— Social Developer

-ideatrice Progetto “per la LegalitA�”

-redattrice la societA�:

Ilaria Fontana.

img_5856

 

 

 

 

 

—————————————— Disegnatore, Fumettista:

Stefano Spaziani.1472763_10202777831595819_1685300565_n-2

 

 

 

 

———————————————— A�redattrice archeologia:

Ilenia Lungo.

14872497_10211509144192904_709760653_n

 

 

 

 

————————————————–scrittore storico editor

Massimiliano A�Mancini

1235948_10201656599967646_2057244410_n

 

 

 

 

—————————————————-collaboratori esterni

 

Alessandro Canali (editore)

13096132_10209362948899133_6843098218066559412_n-2

 

 

 

 

————————————————————————————-

Stefano Alunno Mancini (video editing; logistic)

11813378_10207457481139491_4996039486622964819_n-2

 

 

 

 

——————————————————————————-

Gianluca Bufalini (video editing; software development)

bufalini3-2

 

 

 

 

——————————————————————————–

———————————————————-Special Thanks To

-Ilenia Lombardi

– Valentina Campoli

– Edoardo D’Atri

———————————————————————–Supporters

-Centrale Del Latte Del Frusinate

 

 

cropped-Megalithic-logo-completo.jpg