la pubblicità ed il controllo sociale (by Chiara Risi)

  

“ Tre cose mi servono prima di una gara: la musica, la sicurezza di vincere, ed esserci con la testa.” Questo quanto recita Federica Pellegrini, la campionessa di nuoto, nella pubblicità di uno shampoo. A seguire una voce presenta il prodotto:  “H…&Shoul..rs: libera la tua cute da forfora, prurito e secchezza, lasciando i capelli splendidi.”“… e la mia mente libera di concentrarsi sulla gara” aggiunge Federica Pellegrini.

imagesXA2XXEM7

Già, perché se non esistesse H…&Shoul..rs , Federica Pellegrini avrebbe un grande problema durante la gara: pensare a quale shampoo utilizzare.

Ma non è questo il punto. Non è Federica Pellegrini il problema, presa solo a titolo esemplificativo.

Il punto è il seguente: abbiamo davvero bisogno di un personaggio famoso che ci dia indicazioni? Che ci dica quale shampoo comprare, con cosa fare colazione, quali vestiti e quale comprare, chi votare, o che programma guardare…

Davvero siamo così influenzabili dalla pubblicità? Dalla televisione in generale?

 

 

A quanto pare si. Addirittura una ricerca scientifica ha dimostrato come la vendita di una particolare razza canina possa essere fortemente condizionata dalla presenza di un cane di quella razza in un film famoso. pubblicità 2

Ancora, altri articoli accademici mostrano la correlazione tra l’essere esposti a pubblicità di un determinato prodotto (alcol, sigarette, cibo) ed acquistare quel prodotto. Ma chi ci garantisce che il prodotto pubblicizzato sia migliore di quelli non pubblicizzati? Lo spazio pubblicitario è acquistato in base alla qualità di ciò che si sta promuovendo o in base alla disponibilità finanziaria del soggetto che promuove il prodotto?

Noam Chomsky ci aveva messo in guardia, quando scrisse le 10 regole per il controllo sociale. Con la decima regola ci avverte che per controllare meglio la popolazione bastaconoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.”imagesRYP236GD

Pensiamoci, non è quello che accade attraverso la pubblicità? Più in generale, non è quello che accade attraverso le televisioni? In quali altri ambiti viene applicata questa regola?

Non lasciamoci influenzare. Informiamoci direttamente e scegliamo liberamente: lo shampoo, l’auto, il vestito; ma anche quale giornare comprare, chi votare, ecc…

Nessun personaggio famoso può influenzare le nostre scelte, tanto più se non è esperto in materia ma sta solo recitando un copione in cambio di un bel ritorno economico!

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *